Nubilium: Isolamento termico innovativo a basso spessore, condomini e ristrutturazioni.

Nubilium Termopanel

Nubilium è adatto a condomini e ville storiche.

Fino ad oggi per ottenere risultati soddisfacenti dal punto di vista energetico si è dovuto ricorrere a materiali come l’EPS, o le schiume poliuretaniche.

Gli spessori minini per l’ottenimento di un qualche risultato dal punto di vista termico sono 8 cm.

Questo li rende adatti per effettuare interventi a cappotto per gli immobili esistenti o inseriti nella struttura di tamponamento per il nuovo.

Spessori cosi rilevanti rendo inutilizzabili questi materiali in situazioni condominiali dove operare sulla facciata esterna richiede l’apprazione della maggioranza degli inquilini e in contesti di edifici di pregio storico dove siamo in presenza, spesso e volentieri, di vincoli importanti sulle facciate.

Nubilium Termopanel è la soluzione!

E’ la soluzione perchè:

  1. Ha uno spessore ridotto di soli 9 mm;
  2. Ha una composizione 100% naturale;
  3. 100% reciclabile;
  4. Ha una elevata lavorabilità;
  5. Non necessità di fissaggi meccanici;
  6. Classe A di resistenza al fuoco;
  7. Il pannello non è incollato ma tessuto;
  8. Realizzato con una selezionata fibra minerale naturale incombustibile;
  9. E’ certificato;
  10. Alta densità;

Caratteristiche tecniche:

Caratteristiche tecniche NOBILIUM® THERMALPANEL Pannello in lana di roccia valori medi Pannello in fibra di legno valori medi
Densità 200 Kg/m3 ( +/- 10% ) 100 Kg/m3 180 Kg/m3
Calore specifico 2100 J/KgK 1000 J/KgK 2000 J/KgK
Resistenza a trazione parallela alle facce nel senso dello spessore  1478 kPa  5 / 10 kPa  5 / 10 kPa
Spessore 9mm ed autoportante Non esistente con spessore così ridotto Non esistente con spessore così ridotto
Conducibilità termica 0,032 W/mK 0,040 W/mK 0,043 W/mK
Traspirabilità µ 2,86 Eccezionalmente traspirante µ 1 Eccezionalmente traspirante µ 5
Combustibilità Incombustibile A1 Incombustibile A1 Classe E
Velocità di raffred. / riscald. a parità di spessore 1 5,26 1,57

 

Per informazioni e approfondimenti: CLICCA QUI!

 

 

 

Termoregolazione e contabilizzazione del calore

Abiti in condominio? Lavori in un edificio polifunzionale e la temperatura dei locali è un problema?

Anche se non sembra un elemento molto importante in un impianto di riscaldamento con più utenti è la Termoregolazione e contabilizzazione del calore

Questo perché è il “centro di comando” direttamente collegato ai corpi scaldanti ed è in grado di aprire o chiudere l’afflusso di acqua calda in maniera puntuale. 

La contabilizzazione, permette di avere un sistema democratico che ti fa spendere in base a quanto realmente hai consumato.

Pertanto sono elementi da non sottovalutare, infatti anche il legislatore si è accorto, tanto da renderlo un obbligo di legge per gli edifici come condomini e tutti gli edifici polifunzionali

Il Decreto Legislativo n.102/2014, ha recepito la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica, rende obbligatoria: 

• l’ ’installazione di sistemi di contabilizzazione; (per condomini)

• l ’installazione di sistemi di termoregolazione; 

• l’adozione di un determinato criterio di ripartizione dei costi.( per condomini) 

Ma cosa significa termoregolazione e contabilizzazione di un impianto di riscaldamento?

In sostanza sono sistemi di gestione e controllo dei consumi, rendo più semplice risparmiare e pagare il corretto importo in presenza di più unità abitative o funzionali con esigenze diverse.

Il sistema di contabilizzazione consente di misurare il consumo energetico della singola unità immobiliare e può essere realizzato in due modi: 

• applicando un contatore unico a lettura diretta nel caso l’appartamento sia dotato di un impianto ad anello o a zone;

• applicazione dei singoli contatori chiamati ripartitori su ciascun radiatore nel caso di impianti cosiddetti a colonna.

Il sistema di termoregolazione prevede l’installazione di valvole termostatiche sui radiatori, in sostituzione delle valvole a comando manuale, che regolano in maniera automatica l’afflusso di acqua calda in funzione della temperatura impostata dall’utente. Il criterio della ripartizione dei costi è un principio secondo il quale ogni utente paga in base a quanto consuma e non in base alle tabelle millesimali condominiali.  

Quanto si risparmia?

Le valvole termostatiche installate in impianti centralizzati consentono un maggior equilibrio termico non soltanto all’interno di una stessa unità abitativa, bensì nell’intero edificio portando ad un risparmio energetico in bolletta in alcuni casi pari al 15-20%. 

Casa nuova? Impianto fotovoltaico non allacciato?

Casa nuova? Impianto fotovoltaico non allacciato?

I nuovi decreti legislativi per l’efficienza energetica,  hanno  l’ obiettivo di abbattere le immissioni inquinanti, ridurre la spesa energetica per le famiglie. Richiedono inoltre che una parte di energia sia prodotta da Fotovoltaico, quanta ne serve e gli obblighi minimi saranno il tema di un altro articolo.

Pertanto le imprese edili predispongono sin da subito l’installazione dell’impianto fotovoltaico, le cui potenze vanno dal minimo di 1 kW a salire. Capita però che non provvedano all’espletamento della connessione alla rete.

Capita però che non provvedano all’espletamento della connessione alla rete.

Read more

AUMENTARE LA PRODUZIONE DEL FOTOVOLTAICO CON GLI OTTIMIZZATORI

AUMENTARE LA PRODUZIONE DEL FOTOVOLTAICO CON GLI OTTIMIZZATORI

Aumentare la produzione del proprio impianto fotovoltaico è il principale desiderio di tutti i fortunati possesori.

Ricordiamo brevemente il funzionamento di un impianto fotovoltaico.

I pannelli sono composti da un numero di celle in silicio, collegate in serie, generalmente 60 che sono in grado di catturare la luce proveniente dal sole e trasformale in corrente continua.

Diversi studi svolti prima dalla NASA che li utilizza per alimentare i satelliti o la stazione orbitante, poi da diversi istituti di ricerca come l’ENEA hanno determinato che l’efficenza di produzione è influenzata da 3  parametri.

Per saperne di più